Incentivi per il trasferimento della residenza in Italia: linee guida dell’Agenzia delle Entrate

Commenti disabilitati su Incentivi per il trasferimento della residenza in Italia: linee guida dell’Agenzia delle Entrate 73

24/05/2107

L’Agenzia delle Entrate, con Circolare n. 17/E del 23 maggio 2017, fornisce importanti indicazioni per attrarre il capitale umano nel nostro Paese attraverso il trasferimento della residenza.

In particolare, l’Agenzia delle Entrate analizza dettagliatamente gli incentivi, i requisiti necessari per accedere alle agevolazioni, le modalità di esercizio delle opzioni e gli effetti per le seguenti categorie di soggetti i quali scelgono di stabilirsi in Italia:

  • i lavoratori “impatriati” che possono essere dipendenti o autonomi, manager, lavoratori ad alta specializzazione ed i laureati, anche distaccati in Italia, per i quali è prevista una riduzione dell’imponibilità del reddito da lavoro dipendente prodotto in Italia del 50% per il 2017;
  • i lavoratori “contro-esodati” i quali sono stati residenti in Italia e, dopo essersi trasferiti all’estero, vi hanno fatto ritorno entro il 31 dicembre 2015,  ed hanno optato entro lo scorso 2 maggio per il regime dei lavoratori impatriati se in possesso di determinate condizioni.
  • gli high net worth individuals neo residenti ad alta capacità contributiva, ai quali è riservata l’agevolazione mediante un’imposta sostitutiva di Euro 100.000 sui redditi prodotti all’estero;
  • i docenti e ricercatori, per i quali i redditi di lavoro dipendente ed autonomo prodotti in Italia per lo svolgimento dell’attività di docenza e ricerca, concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 10% per 4 periodi d’imposta.

Per maggiori informazioni, contattateci.

Similar articles