Bonus impatriati, ancora un mese per autocertificare la spettanza del beneficio fiscale in busta paga

Commenti disabilitati su Bonus impatriati, ancora un mese per autocertificare la spettanza del beneficio fiscale in busta paga 7

Con l’approssimarsi delle scadenze per i conguagli di fine anno (31 dicembre 2020), i lavoratori impatriati che hanno trasferito la residenza fiscale in Italia a decorrere dal 1 gennaio 2020 hanno ancora un mese di tempo per autocertificare la spettanza del beneficio fiscale in busta paga che si sostanzia in un’esenzione del 70% del reddito di lavoro dipendente prodotto in Italia dai lavoratori che si qualificavano fiscalmente non residenti in Italia nei due anni di imposta precedenti e che si impegnano a rimanere nel territorio dello Stato per almeno due anni.

Per le casistiche dubbie è necessario presentare un interpello all’Amministrazione Finanziaria al fine di avere un’opinione formale riguardo l’accesso all’agevolazione fiscale, la quale ha una durata di cinque anni a partire dal periodo d’imposta in cui è trasferita in Italia la residenza ai sensi dell’art. 2, comma 2 del Tuir.

Ulteriori estensioni dell’ambito temporale di applicazione del benefit sono previste in caso di figli a carico o di acquisto in Italia di un’unità immobiliare.

I sostituti d’imposta, una volta verificato il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa vigente, potranno riconoscere l’eventuale conguaglio fiscale positivo direttamente nel mese di dicembre; in alternativa, potranno comunicare nella Certificazione Unica 2021 di non aver applicato il bonus il quale rimarrà fruibile dal lavoratore in sede di dichiarazione dei redditi (Modello 730/Redditi 2021).

Per qualsiasi ulteriore chiarimento o informazione contattateci.

Tagged with: , ,

Similar articles

Contatti

Studio Tributario Associato – Battaglia Cesari Zangrillo
Indirizzo: Via Po, 102
CAP: 00198 – Roma
Email: info@studiobcz.it
Telefono: +39 06 87811744
Fax: +39 06 92594608